Mauro Mingardi – Un Western Senza Cavalli

Mauro Mingardi – Un Western Senza Cavalli

Sinossi

Il cinema è stato sicuramente una delle più grandi passioni dell’uomo del ventesimo secolo. Le sue storie hanno fatto sognare intere generazioni di spettatori e i suoi protagonisti sono tutt’oggi diventati delle icone dell’attuale società moderna assettata di divi e eroi. Tutti conoscono, infatti, Charlie Chaplin e Federico Fellini, ma nessuno conosce il protagonista della nostra storia: Mauro Mingardi.
Ma chi era costui?
Mauro Mingardi (1939-2009) era un falegname di Bologna. La sua vita potrebbe essere una favola, una favola moderna che come tutte le storie ha un inizio epico e magico.
Bologna. 1953. Nella città dove sono ancora visibili i segni della guerra, in un afoso pomeriggio estivo, una sfavillante limousine bianca attraversa i viali cittadini, fra l’incredulità dei passanti. La limousine si ferma in una pompa di benzina per fare rifornimento. A bordo di questa c’è Yvonne De Carlo, famosa star hollywodiana dell’epoca. Per quale motivo fosse a Bologna nessuno lo sa. Fatto rifornimento la star paga il benzinaio con dei dollari, ma questo rifiuta. Allora l’attrice offre all’uomo una cinepresa Keystone 8mm, il benzinaio accetta. Qualche anno più tardi quella cinepresa arriverà nelle mani del giovane Mauro Mingardi, che da quel giorno inizierà la sua particolarissima attività di regista, anzi di cine amatore, forse meglio… filmmaker!

Trailer

Scheda Tecnica

Genere: documentario biografico/storico sul cinema a passo ridotto
Durata: 70′ theatrical – 52′ televisivo
Formato: HD
Anno: 2016
Lingua: Italiano
Regia:
 Davide Rizzo e Marzia Toscano
Fotografia: Ivano Lollo
Musiche: Daniele Furlati
Editing: Paolo Marzoni e Davide Rizzo
Produzione: Elenfant Film – Maxman Coop. – Imago Orbis

Galleria Fotografica

Visita il sito dedicato